Giovanni Palombo: dal solo al quartetto

Concerto di Chitarra Acustica
Il concerto di sola chitarra acustica di Giovanni Palombo, sviluppato in anni di attività e attraverso la partecipazione ai maggiori Festival di chitarra europei e italiani, presenta un programma sottolineato da un forte senso melodico in cui convergono musica etnica, blues, jazz. Oltre alla forte liricità i brani hanno elementi di improvvisazione, tecniche moderne percussive e di tapping, determinando un fingerstyle moderno e vario, che soprattutto attraverso composizioni originali ci porta in un mondo dove gli elementi di ispirazione sono gli scenari mediterranei, le suggestioni di culture e arti, intraviste o anche solo supposte, attraverso le quali il viaggio diviene a volte interiore, in equilibrio affascinante tra sognato e consapevole. Le sue produzioni discografiche più recenti sono “Tandem Desàrpa”, in duo con il chitarrista jazz Maurizio Brunod, e “La Melodia Segreta/ A Secret Melody”, “Folk Frontiera” entrambi per la prestigiosa etichetta tedesca Acoustic Music Records, leader nel settore della musica acustica. “Camera Ensemble” è invece il CD con il quartetto omonimo (chitarra-sax-percussioni-violoncello). Alcune sue musiche sono state scelte per il film “L’Orizzonte degli Eventi” (Fandango, Festival Di Cannes 2005), per i documentari televisivi di Geo&Geo e di Voyager. Palombo é endorser ufficiale delle chitarre Lakewood e degli amplificatori Acus. Collabora con articoli didattici e trascrizioni alla rivista Chitarre e ha insegnato presso la Scuola di musica Ciac di Roma. Ha tenuto seminari sulle tecniche per chitarra acustica e sull’armonia al Conservatorio di Dresda (DE), al Conservatorio di Frosinone, al Festival Internazionale di Chitarra di Fiuggi, all’International Guitar Meeting di Sarzana, al Festival Internazionale di Chitarra di Rieti, all’Intensive Workshop della rassegna Jazzità.

stazionereed12


Camera Ensemble
Giovanni Palombo (chitarre acustiche), Gabriele Coen (clarinetto, sax),  Andrea Piccioni (frame drums, percussioni), Benny Penazzi (violoncello) 
Un quartetto che coniuga il jazz alla musica etnica, una dimensione acustica che esalta l’originalità di un suono trasversale ai generi. Melodia, armonia moderna e improvvisazione che evocano scenari Mediterranei, suggestioni di culture e arti intraviste o anche solo supposte, attraverso le quali il viaggio diviene a volte interiore, in equilibrio affascinante tra sognato e consapevole.
A proposito del CD “Camera Ensemble”:
  • La narrazione di Camera Ensemble si basa su brillanti cellule melodiche trattate con estrema eleganza e raffinatezza. Di notevole interesse e qualità l’apporto che ciascun membro del quartetto offre, sia in termini di accompagnamento sia negli assolo, sempre misurati e profondi (JazzIt)
  • …il risultato è di eccellenza: l’ascoltatore attento può rinvenire tracce di musica etnica, di jazz, di musica improvvisata, il tutto filtrato attraverso la squisita sensibilità di questi artisti che non tendono a stupire quanto ad esprimere compiutamente sé stessi. Insomma un album di rara eleganza che si fa ascoltare dal primo all’ultimo istante e, soprattutto, che ti fa venir voglia di riascoltarlo ancora una volta.. cosa, credetemi, oggi più unica che rara. (online_jazz.net, Gerlando Gatto)
  • La narrazione di Camera Ensemble si basa su brillanti cellule melodiche trattate con estrema eleganza e raffinatezza. Di notevole interesse e qualità l’apporto che ciascun membro del quartetto offre, sia in termini di accompagnamento sia negli assolo, sempre misurati e profondi (JazzIt)
  • Decisamente un lavoro riuscito e ricco di spunti, forse il più maturo e completo finora realizzato dal chitarrista, tappa importante lungo un percorso che non ha ancora finito di regalarci emozioni. Valutazione: 4 stelle (All About Jazz).
  • L'ispirazione giunge ai nostri dai luoghi del Mare nostrum, ricchi di fascinazione, suggestivi anche per le loro tradizioni millenarie e le infinite storie che portano seco. Così è il viaggio: la libertà, l'assenza di vincoli che informa le varie composizioni permette la miscellanea che ne scaturisce traghettando verso lidi ove il jazz e la classica sconfinano nella world music. (Paolo Incani, Jazzitalia)

Per  maggiori: Cd 'Camera Ensemble' - Video 'Piccola Suite Ellenica'




Tango & World

Luis Borda e Giovanni Palombo
L’incontro recente di Giovanni Palombo con l’argentino Luis Borda avviene a Monaco di Baviera, dove i due tengono uno splendido concerto, in cui le modalità più europee di Palombo e il sanguigno e malinconico tango di Borda si incrociano in un duetto caldo ed emozionante. Le corde di nylon e quelle di metallo intrecciano il loro suono, sorprendendo lo spettatore con suoni a tratti densi e incalzanti e a tratti rarefatti, che evocano allo stesso tempo la tradizione e la modernità.

IMG 3921


Jazz & Folk Frontiera

Giovanni Palombo e Gabriele Coen Duo
Jazz & Folk Frontiera” è il concerto proposto in questa occasione, in duo con la chitarra acustica di Giovanni Palombo e il clarinetto-sax di Gabriele Coen. Il titolo, ripreso da un Cd di Giovanni Palombo, sottolinea il concetto di incontro tra i generi, l’armonia e l’improvvisazione jazz. L’esibizione è dinamica e ricca di sfumature, musica dai colori mediterranei e jazz di matrice europea.



Tandem Guitar Duo
Giovanni Palombo e Maurizio Brunod Duo 
Maurizio Brunod e Giovanni Palombo in Tandem Desàrpa sovrappongono le loro “mappe” musicali in un percorso trasversale tra fingerstyle, jazz e sfumature classiche, ponendosi nel solco della tradizione moderna europea. Le composizioni alternano parti strutturate, improvvisazione e interplay, mentre il suono nasce dall’incontro di diverse chitarre, classica, elettrica e acustica. La personalità e il tocco dei due chitarristi cerca sempre quel punto di incontro per cui ogni brano non è soltanto la somma e la sintesi di due modalità esecutive, ma espressione e dialogo.
Cd “Tandèm Desàrpa” (2012 Fingerpicking.net). “…raffinato duo tutto acustico tra i chitarristi Maurizio Brunod e Giovanni Palombo, eleganti e mai stucchevoli, anzi spesso frizzanti, briosi, senz’altro coinvolgenti” (Alberto Bazzurro, Musica Jazz, recensione dell’Open Jazz &World Festival 2012).



Etnos Duo
Giovanni Palombo e Andrea Piccioni
L’incontro tra la chitarra acustica di Giovanni Palombo e il mondo percussivo di Andrea Piccioni avviene nel comune terreno della musica etnica, il retroterra popolare, e le moderne esplorazioni armoniche. Guardare alla propria tradizione e musicalità abbracciando tuttavia la trasversalità dei generi musicali è l’intenzione culturale espressa attraverso intensità ritmica e melodica, in una miscela di suoni e arrangiamenti originali. I due musicisti, apprezzati nei loro rispettivi strumenti in ambito non solo nazionale, propongono un repertorio che si avvale delle ultime realizzazioni discografiche, da CAMERA ENSERMBLE a FOLK FRONTIERA (Giovanni Palombo), a FOR GAYA (Andrea Piccioni), ma contenente anche una appassionante rilettura di composizioni nate dalle collaborazioni nei vari ambiti etnici/world/jazz collezionate dai due artisti nel corso della loro carriera.



Privacy Policy

Un libro sull’improvvisazione per chitarra fingerstyle è raro. L’argomento può interessare chiunque suoni lo strumento con le dita, quindi chitarristi acustici e classici, ma anche fingerstyler della chitarra elettrica. Gli studi presentati prendono spunto dal jazz moderno, dal blues, dalla chitarra classica e dalla world music: una miscela che rende la chitarra moderna universale e versatile, legata ai linguaggi ma potenzialmente aperta a tutte le possibili direzioni. Leggi

 
Vai all'inizio della pagina