• Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.

Gioco di Specchi con Voce e Suono

Inviato da il in Appunti
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 1625
  • 0 Commenti
  • Stampa

Teatro Le Sedie (Vicolo del Labaro 7, Roma) 
29 e 30 gennaio, ore 21.30
www.teatrolesedie.it

GIOCO DI SPECCHI con VOCE e SUONO
Giovanni Palombo, chitarra e composizioni - Daniela Giordano, voce recitante

Gioco di Specchi con Voce e Suono rinnova la collaborazione tra Giovanni Palombo e l’attrice Daniela Giordano, in un Concerto/Recitazione a cui partecipa anche la cantante Clea Cotroneo.
Uno spettacolo articolato: le musiche sono in buona parte nuove, con la chitarra che utilizza anche loop station ed effetti. La voce interpreta alcuni brani ma è anche usata come uno strumento. La recitazione affronta i temi ambiziosi della vita che viene dal cosmo e della “vita oltre la vita”, utilizzando testi di autori vari. Le immagini di stelle e quasar proiettate ampliano i rimandi continui tra “dentro e fuori di sé”.

L’emozione sboccia dove sorgono i pensieri più belli, mentre inspiegabile pulsa la vita, quella ferita del tempo che sfugge al nulla, come un sogno istantaneo della bellezza.

Come in un gioco di specchi Concerto e Recitazione si intrecciano e si sovrappongono ne “La Danza del Cosmo”, in cui Poesia e Scienza si confrontano, e “La Vita Dopo la Vita”, versi e testi tratti da De Andrè, Borges, Gibran, Neruda e altri autori. Gioco di Specchi è un concerto punteggiato da incursioni poetiche, che da varie angolature narrano dell’origine, della vita e della morte.

“Io sono il Poeta e lo Sciamano che non cerca risposte, ma si bea al vento cosmico della percezione, ignorando il rigore sistematico e intuendo le cose solo perché sono io stesso un frammento delle cose”.

Vota:

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite
Ospite Venerdì, 14 Dicembre 2018
Privacy Policy

Un libro sull’improvvisazione per chitarra fingerstyle è raro. L’argomento può interessare chiunque suoni lo strumento con le dita, quindi chitarristi acustici e classici, ma anche fingerstyler della chitarra elettrica. Gli studi presentati prendono spunto dal jazz moderno, dal blues, dalla chitarra classica e dalla world music: una miscela che rende la chitarra moderna universale e versatile, legata ai linguaggi ma potenzialmente aperta a tutte le possibili direzioni. Leggi

Loading ...
 
Vai all'inizio della pagina